Il 9 maggio si è tenuta la cerimonia di consegna di un diploma molto particolare presso la Kent State University.

Questa famosa università, situata in Ohio, nel nord-est degli Stati Uniti, ha infatti organizzato un programma inedito per i suoi studenti in traduzione: la formazione "Technicis Proofreading Training". 

Questo programma è frutto della stretta collaborazione tra la Kent State University e Technicis. L'obiettivo della formazione è semplice: permettere ai traduttori di superare l’aspetto puramente linguistico di una rilettura e acquisire le competenze necessarie per controllare i minimi dettagli. La particolarità? I traduttori non devono per forza parlare la lingua riletta!

Technicis, leader della traduzione in Europa, ha sviluppato una metodologia specifica per rispondere alle richieste dei suoi clienti, in continua crescita. Essa consente di verificare una serie di elementi di conformità al testo originale tramite una checklist:

  1. Impaginazione: numero di paragrafi, spazi, intestazione e piè di pagina, note e commenti, indici
  2. Testo: ortografia, punteggiatura, testo non tradotto, nomi propri, coerenza delle informazioni, abbreviazioni, indirizzi 
  3. Dati chiave: numeri, simboli, unità di misura
  4. Specificità del progetto: applicazione delle istruzioni del cliente, conformità alla guida stilistica

Per partecipare a una digitalizzazione sempre più efficace del settore della traduzione, Technicis ha voluto offrire agli studenti di Kent State una formazione su questa nuova metodologia.

Per la prima volta quest’anno, in seguito a un rigoroso test, gli studenti hanno ricevuto il diploma "Technicis Proofreading Training"

Congratulazioni a tutti!